SibarinFestA è un blog amatoriale dedicato alle iniziative di arte musica e cultura della Sibaritide. Uno spazio virtuale pensato per comunicare e far conoscere gli eventi di Sibari e dintorni e, al tempo stesso, per dare ai “naviganti” la possibilità di esprimere pareri, commenti, critiche e considerazioni sulle diverse occasioni proposte. Lo spazio è aperto al contributo di tutti i visitatori che hanno qualcosa da raccontare o semplicemente da segnalare.

Per segnalare notizie, iniziative, critiche e quanto altro ritieni utile far conoscere a noi e agli amici del blog clicca qui.

Ultimi post pubblicati

28 marzo 2009

Discovery: Passeggiando per Chiusa di Pesio...

Salve, oggi le vie di Chiusa di Pesio erano particolamente animate, non solo per le consuete spese del sabato ma soprattutto per i visitatori attirati in Valle dalle giornate Fai, a cui tutto il paese ha partecipato attivamente mostrando i suoi tesori, le sue bellezze e l'ospitalità rispecchiata in pieno dai ragazzi e dai volontari che con la loro preparazione, i sorrisi e la cordialità hanno svelato segreti, misteri e storie di questo ridente paesino...
L'accoglienza comincia vicino al Municipio dove fanno bella mostra di sè oltre al banchetto del Fai, dove si possono trovare materiali e gadget, altri banchetti di libri, coltelli e artigianato locale, qui si trovano i primi ragazzi che accompagnano e spiegano l'edificio oggi sede del comune ma storicamente importante e ricco di curiosità, si prosegue per la Chiesa dell'Annunziata qui oltre al fascino della struttura ecclesiastica si possono ammirare foto e documenti su una delle reliquie più affascinante e misteriosa:"La Sindone" (info su: http://www.sindone.org/) mostra itinerante molto interessante, vicino alla chiesa si può trovare il museo e il centro informazione turistica, anche qui ci sono dei ragazzi preparati pronti a rispondere alle nostre curiosità.
Ma salendo per la via principale del paese, via T.Vallauri, ecco apparire la chiesa di Sant'Antonino, dove oltre alla visita doverosa nella chiesa, si possono ammirare dei dipinti recentemente restaurate, tele che raffigurano i dodici apostoli, sapientemente spiegate dai volontari, ma proseguendo per via T.Vallauri in un cortile privato, si può osservare una meridiana italica molto suggestiva, anche se oggi il sole non faceva capolino...purtroppo; ma ecco che i volontari ci accompagnano a San Rocco dove ci sono delle foto che mostrano la prima chiesa nella sua originale collocazione, ma entrando sempre accompagnati da volontari che ci spiegano il ricco arredamento della chiesa, ulteriormente impreziositaà da una mostra temporanea di dipinti, molto belli ma, la cosa più interessante è data dalla presenza dell'artista che ci spiega come preparare le tele e i colori, con una procedura d'altri tempi per creare delle opere di alto pregio.
Bene spero che con questo racconto abbia reso l'idea della giornata appena trascorsa, giornata che lascia delle sensazioni piacevoli sia per le bellezze scoperte, per le storie ma soprattutto per le i ragazzi che con il loro impegno, il loro timore, la loro semplicità hanno dato un tocco originale alla giornata in questo piccolo paese, piccolo ma con una grande storia...

0 Vai ai commenti: