SibarinFestA è un blog amatoriale dedicato alle iniziative di arte musica e cultura della Sibaritide. Uno spazio virtuale pensato per comunicare e far conoscere gli eventi di Sibari e dintorni e, al tempo stesso, per dare ai “naviganti” la possibilità di esprimere pareri, commenti, critiche e considerazioni sulle diverse occasioni proposte. Lo spazio è aperto al contributo di tutti i visitatori che hanno qualcosa da raccontare o semplicemente da segnalare.

Per segnalare notizie, iniziative, critiche e quanto altro ritieni utile far conoscere a noi e agli amici del blog clicca qui.

Ultimi post pubblicati

22 aprile 2008

CineBook: Gli ultimi possono diventare i primi

Miscelando ricordi autobiografici e riflessioni sulla pedagogia, l’autore di questo saggio atipico invita gli ultimi della classe a non disperare.
Daniel Pennac, diversi anni fa, in “Come un romanzo” aveva enunciato i diritti imprescindibili del lettore, che partendo dall’analisi della disaffezione alla lettura da parte delle ultime generazioni (e non solo) affrontava il problema di come stimolare i giovani non tanto alla lettura fine a se stessa quanto al piacere di essa. Noi, lettori fluttuanti ne abbiamo fatto il nostro credo.
DIARIO DI SCUOLA (ed. Feltrinelli), il nuovo libro di Pennac, risultato di quattro anni di lavoro, esalterà gli ideali di noi studenti discontinui.
Il saggio affronta il tema della formazione scolastica dalla parte di quegli alunni scaldabanchi, “svogliati” e “fannulloni”, che faticano ad imparare e a capire ma, secondo l’autore, hanno semplicemente paura di non saper rispondere.
Attraverso aneddoti divertenti e vicende personali l’autore, non nascondendo il suo passato da ultimo della classe, invita a riflettere sulle disfunzioni della scuola, sul ruolo dei genitori e della famiglia, della televisione e degli insegnanti, categoria che conosce bene facendone egli stesso parte.
Si capisce che questo libro è dedicato oltre che agli studenti anche ai professori che hanno un ruolo così rilevante nella maturazione dei ragazzi e soprattutto devono alimentare il desiderio di conoscere, sollecitare la fantasia e spalancare la mente, perché la società cambia, ma i giovani di oggi, come quelli di ieri, al contrario dei piu’ logorati luoghi comuni, sono sempre animati da un’inesauribile sete di sapere.
Alla prossima.

0 Vai ai commenti: