SibarinFestA è un blog amatoriale dedicato alle iniziative di arte musica e cultura della Sibaritide. Uno spazio virtuale pensato per comunicare e far conoscere gli eventi di Sibari e dintorni e, al tempo stesso, per dare ai “naviganti” la possibilità di esprimere pareri, commenti, critiche e considerazioni sulle diverse occasioni proposte. Lo spazio è aperto al contributo di tutti i visitatori che hanno qualcosa da raccontare o semplicemente da segnalare.

Per segnalare notizie, iniziative, critiche e quanto altro ritieni utile far conoscere a noi e agli amici del blog clicca qui.

Ultimi post pubblicati

2 giugno 2008

CineBook: Da gomorra a gomorra

“O stai con noi o contro di noi”. E’ questa una delle frasi (in napoletano stretto, come tutto il film ovviamente sottotitolato) che può sentirsi dire un ragazzo di Scampia: la più grande rivendita mondiale all’aperto di cocaina, come ci mostra benissimo Gomorra, film di Matteo Garrone che ha ricevuto il gran premio della giuria al recente festival di Cannes.
Non era facile estrapolare un film dal mastodontico romanzo-documentario di Roberto Saviano dal successo inaspettato: 1 milione e 200 mila copie vendute in Italia e tradotto in 33 lingue.
Il regista, con la macchina da presa sulle spalle, è riuscito a farci entrare nei meandri più bui e degradati delle “vele” di Scampia, facendocene uscire con lo stesso stato d’animo in cui può trovarsi un sopravvissuto ad un bombardamento, con i relativi suoni e frastuoni a far da colonna sonora.
Dall’immenso materiale del libro sono stati estrapolati cinque episodi, di più sarebbe stato difficile, che fanno vedere benissimo tutte le facce della criminalità organizzata che realizza affari stratosferici in settori dove lo Stato dovrebbe avere il massimo controllo (scuola, lavoro, raccolta rifiuti per citarne alcuni) e invece, latita.
I “lampadati”, depilati e impomatati ras del quartiere trovano manodopera a basso costo nei ragazzi sbandati che, visti i modelli di riferimento, hanno come massimo obiettivo un piercing o un tatuaggio nell’attesa di entrare a far parte del gota camorristico, sempre che non calpestino i piedi di chi sta più in alto, nel qual caso il valore della vita diminuisce drasticamente.
Grande interpretazione di Toni Servillo nell’episodio dove non si vedono armi da fuoco bensì bombe silenziose che, salvando un posto di lavoro da una parte, minano subdolamente la vita di intere famiglie da un’altra. In questo passo viene fuori come la delinquenza riesca a vestire l’abito buono dell’imprenditoria criminale per inserirsi in quella zona grigia dove, cronaca giudiziaria degli ultimi giorni, il confine fra legalità ed illegalità e molto indefinito.
Molto bravi tutti gli altri attori, specialmente Ciro e Matteo che nel film si chiamano come nella vita, uno fruttivendolo con qualche comparsa in altri set, l’altro muratore e debuttante attore, abili a rappresentare scene che in certi quartieri non vedranno mai su una pellicola (a Scampia non esiste una sala cinematografica) ma, certamente nella vita quotidiana.
Alla prossima.

Guarda il trailer


Gomorra e Roberto Saviano: intervista alle Iene

0 Vai ai commenti: